Archive for August, 2015

h1

065 1972-05 il biglietto per andare in Abissinia

August 31, 2015
biglietto aereo (1972}

biglietto aereo (1972}

Una volta, come anche oggi, per montare in aereo si comprava il biglietto. La differenza è che allora c’era davvero un biglietto fisico, con tanti cuponi per quanti erano i settori da volare. Ne ho scritti tanti, e di cuponi ne ho strappati migliaia.

I tempi cambiano e come i gettoni che si usavano per fare le telefonate anche i biglietti, quelli di carte stampati dalle copertine multicolorate son passati di moda. Di certo c’è già un’itera generazione che non sa di casa stia parlando.

Il mio biglietto per andare in Abissinia, anche quella ha cambiato nome, era di certo uno dei più variopinti, con tutta una storia narrata con immagini nello stile della pittura copta. E forse

biglietto bar coded (2015)

biglietto bar coded (2015)

proprio per questo suo aspetto pittoresco è sopravvissuto.

Ed oggi? Bastano dei quadratini e delle lineette in bianco e nero. Vanno bene anche quando compaiono sul telefonino. Invece la tradizione che dobbiamo pagare perdura.

Marblehead, 31 agosto 2015

Il mio blog di momorie: M’Arcordo… http://biturgus.com/.

Ho recentemente pubblicato il libro “M’Arcordo…” che si trova in tutte le librerie a Sacuinsepolcro.

Advertisements
h1

067e 2015-08-29 Roma, Battista Sforza’s tattoo

August 31, 2015
Battista Sforza di Piero della Francesca tatuata

Battista Sforza di Piero della Francesca tatuata

Italiano

Yesterday I went to visit the Museum of Palazzo Barberini in Rome; it was my very first time. I wanted to see Judith Beheading Holofernes by Caravaggio but I was disappointed, the painting had been loaned to some other museum.

That’s why my encounter with Battista Sforza was such a big surprise. This was no ordinary painting. The skin of her face was much to real. She was actually a tattoo on the right arm of a picturesque Swedish girl who was in the museum that day. You might say she was a walking work of art. She told me that it took more than one year to complete the portrait. Pleased with my knowledge of art, she also exposed yet another masterpiece, La Grande Odalisque by Ingres, the one with the very long thigh. I am now wondering if there are any other masterpieces hidden away.

Considering the long, dark and cold Swedish winter the girl must have been very happy to be

La Grande Odalisque by Ingres

La Grande Odalisque by Ingres

able to show her skin under the warm Roman sun. All the pain she had endured was rewarded by the praises of the admirers.

I have strong reservations about tattoos in general, but in this case (maybe because she had chosen a painting by Piero della Francesca and the work had been brilliantly executed), I have to admit: I liked it, I was impressed.  

And what would Piero think of this?

Battista Sforza and Federico da Montefeltro by Piero della Francesca

Battista Sforza and Federico da Montefeltro by Piero della Francesca

I did not ask her, her name. If by chance you know her, please let me know because now I have many questions I would like to ask. For example, was she planning to have the famous Federico da Montefeltro, Duke of Urbino, with his hooked-nose, tattooed on her left arm?

Marblehead, 30 agosto 2015

My blog “M’Arcordo…” www.biturgus.com/

h1

067i 2015-08-29 Roma, Battista Sforza tatuata

August 30, 2015
Battista Sforza di Piero della Francesca tatuata

Battista Sforza di Piero della Francesca tatuata

English

Ieri a Roma sono andato a visitare per la prima volta il Museo di Palazzo Barberini, . Volevo vedere la Giuditta di Caravaggio che non c’era, data in prestito. Son rimasto contrariato. In compenso, si fa per dire, mi son ritrovato davanti, inaspettata, Battista Sforza, superficialmente viva e un po’ pelosa e non era appasa al muro.

La bella ragazza svedese che sfoggiava orgogliosamente questo tatuaggio mi ha detto che le c’è voluto più d’un anno per realizzarlo. Mi ha anche mostrato La Grande Odalisque di Ingres, quella dalla coscia senza fine. Immagino che ci saranno altre opere nascoste che solo gli eletti avranno il privilegio d’ammirare.

Considerando il lungo, freddo e buio inverno svedese la ragazza sarà stata felice d’essere a Roma in un una giornata piena di sole.

La Grande Odalisque by Ingres

La Grande Odalisque by Ingres

Tutti potevano ammirarla e riconoscere il suo penoso sacrificio per immortalare una tale opera.

Forse perché ha scelto di farsi tatuare un’opera di Piero, direi abbellendola rendendola o po’ più

Battista Sforza di Piero della Francesca

Battista Sforza di Piero della Francesca

scandinava, anch’io, con tutte le mie riserve in merito ai tatuaggi, debbo ammettere che mi è piaciuto, e di questo son rimasto sorpreso.

Ma cosa avrebbe detto Piero?

 

Marblehead, 30 agosto 2015

 

Ho recentemente pubblicato il libro “M’Arcordo…” che può essere acquistato nelle librerie di Sansepolcro. Questo breve filmato e’ l’inizio della presentazione avvenuta nella sala consiliare del Comune, Palazzo delle Laudi lo scorso 25 aprile.

https://www.youtube.com/watch?v=Cuj_L36JYeQ

Il mio blog di memorie M’Arcordo… www.biturgus.com/

E questo è il sito dedicato al http://il-dottore-fotografo-alla-grande-guerra.com/