Archive for June, 2012

h1

039 2000-11 Sansepolcro, il Liscio, quello che volò sotto il ponte del Tevere e moh ha scritto un libro “Il Salto della Sposa”

June 29, 2012
il Liscio, Gianni Bartolomei

Questo quello che scrissi due anni fa:

“Ma tu sei quello di Sansepolcro che una volta volò sotto un ponte?”

Queste fu la domanda che mi fece Luciana, fiorentina, la prima volta che mi incontrò.

“No, non sono io.”

Forse rimase un po’ delusa. Queste breve conversazione avvenne all’aeroporto di Boston ed era il 1971. Lei aveva saputo da dove venivo e che anni prima qualcuno delle mie parti aveva compiuto quest’impresa.

Ma chi è il Liscio? Gianni Bartolomei. E mi sembra di ricordare che gli appiopparono quel soprannome ai tempi ch’era ancora di moda la brillantina, e lui ne usava tanta.

 Ma come si fa a definire il Liscio? Impossibile! E non ci provo nemmeno. So che quando io ero ragazzo e lui già giovanotto lo invidiavo. Lui aveva una macchina sportiva, una di quelle scoperte e poi lui aveva preso il brevetto da pilota e come tale volò, venendo d’Arezzo, sotto l’arco del ponte del Tevere, quello lungo la strada che porta da Sansepolcro ad Anghiari. Questa da alcuni fu definita una pazzia e da altri un’epica impresa.

Feci questa foto quando riprese la gestione dell’Hosteria di Piero, mi sembra che dovevamo lasciare un bigliettino in una cassetta fuori della porta dicendo che cosa si voleva per cena e quanti eravamo, non aveva telefono.

Nella sua vita di imprese ne ha fatte tante ed è impensabile condensare in una pagina o anche in un solo volume. Per definirlo mi vien bene un’espressione in inglese, he’s been always able to re-invent imself. E proprio pensando all’ultima, solo in ordine cronologico perchè son sicuro ce ne saranno altre, gli faccio i miei piú sentiti auguri.

“Forza Liscio!”

PS: Dopo aver pubblicato questo breve profilo del Liscio (Gianni Bartolomei) ci sono stati interventi che mettevano in dubbio la veridicitá del volo sotto il ponte del Tevere (26 settembre 1958, ore17:15). Oltre a vari testimoni dell’evento, esistono foto che ho visto ma non ho il permesso di pubblicare ed un breve filmato che personalmente non ho mai visto.

Aggiungo la copie della sospensione emassa dal ministro dell’Aviazione Civile Italiana nei confronti del signor BARTOLOMEI Giovanni motivandola:

“A scopo esibizionistico passava sotto un ponte del Tevere, eseguendo una inutile quanto pericolosa manovra”

 

il Liscio è sospeso, non può più volare

PS:

Il Liscio ha un’incredibile abilità e creatività nel reinventare se stesso. Scrissi tutto questo tempo addietro, circa due anni fa, ed avevo ragione. Ecco: ancora una volta Gianni della Vittoria ne ha dato una prova: ci ha presentato un libro: “Il Salto della Sposa”. Ecco: è anche uno scrittore ed in fondo non ne sono sorpreso.

039  2000-11 Sansepolcro, il Liscio cDurante la mia recente visita a Sansepolcro mi sono incontrato con lui, me ne aveva tenuta da parte una copia. Mi ero ripromesso di cominciarne la lettura durante il mio lungo volo di ritorno verso Boston, non ho resistito, a cominciato subito, la sera stessa. Ne ho letto circa un terzo, e dopo un momento d’incertezza dovuto al suo stile che rompe con i canoni più tradizionali, sono entrato nella storia, mi ha coinvolto e per me questo è un buon segno. Dimostra una maniera sciolta ed avvincente di narrare, seguendo un sentiero autobiografico, fatto di tante esperienze personali e di queste di certo ne ha avute tante. Diciamo che nella sua vita non si è annoiato. Come in tutti i romanzi il nostro eroe incontra vari personaggi che incrociano il suo sentiero. La novità è che questi non hanno nome, ma sono identificati secondo una professione, un grado di parentela ecc. Questa all’inizio mi ha dato un senso di incertezza ma che ho poi superato facilmente.

Darò il mio giudizio, forse, alla fine. Tutti quelli che si avventureranno a leggere le 487 pagine raggiungeranno il proprio.

 

Advertisements
h1

038 2000-11 Arezzo, chiesa di San Francesco, il dietro del crocifisso

June 28, 2012

il dietro del crcifisso di Margheritone d’Arezzo

           Finalmente e non so dopo quanti anni i lavori di restauro della Storia della Vera Croce erano terminati. Sin prima di partire da Boston sapevo che sarei andato a rivedere il gran lavoro di Piero della Francesca.

Joel è un amico americano, un avvocato, che dopo la prima visita a Sansepolcro nel 1977, ci è ritornato varie volte. Il posto ed anche la cucina, specialmente quella di Alessio, sono ottime ragioni per ripetere l’esperienza. Molti dei miei amici son diventati i suoi.

Nel novembre del 2000, quando seppe che stavo programmando un viaggio a Sansepolcro subito mi disse “I am coming too!” Ed una delle ragioni di quel suo viaggio,  era proprio quello di rivedere La Storia della Vera Croce. Un’altra, molto piú mondana, era la speranza d’una buona stagione di tartufi. Non fummo delusi anche se l’idea di dover comprare un biglietto non mi piacque.

Una volta d’entro il coro affrescato ci fu per me una inaspettata sorpresa, per la prima volta notai il dietro del gran crocifisso. Era magnifico, cosi sospeso nell’aria era imponente ed allo stesso tempo leggero, surreale. Quegli artigiani, che tanti secoli prima avevano montato quelle tavole per Margheritone d’Arezzo, avevano creato a loro modo un’anonima opera d’arte ch’era destinata ad esser nascosta, nel caso l’opera fosse stata appesa ad un muro.

Son ritornato altre volte a visitare San Francesco, e ancora mi son fermato ad ammirare il davanti del Crocifisso ed anche il dietro. Mi sono anche chiesto: “Ma Salvator Dalì l’avrà mai visto?”

 

Il mio blog di momorie M’Arcordo… http://biturgus.com/

h1

038 1982-01-01 Sansepolcro, il frate e l’anno nuovo.

June 26, 2012

l’anno nuovo del frate

L’ultimo dell’anno e poi il primo di quello dopo arrivano sempre con i rituali auguri. Con la fine di quello vecchio, in un momento di generale ottimismo, tutti assieme vogliamo sperare che il futuro ci porterà solo salute e felicità e tanto ci siamo anche soldi.

Penso che sia una tradizione antica anche quando l’anno non cominciava il primo di gennaio.

Quella mattina mi alzai presto e non ricordo se la sera prima ero andato a qualche festa o cenone, forse ero stato a casa con mia madre.

Cominciai a vagare, in compagnia dei miei pensieri, per le strade deserte di Sansepolcro, i festaioli avrebbero dormito fino a tardi.

Entrai nel cortile della chiesa di San Francesco, quello che per anni avevo visto dalle finestre del liceo. Come al solito feci il giro rituale sotto il porticato rileggento le vecchie lapidi tombali.  

I miei pensieri correvano al futuro, ad un futuro molto prossimo: in meno di 48 ore mi sarei ritrovato seduto alla scrivania del mio nuovo ufficio a Washington, sarebbe stato l’inizio d’un altro capitolo della mia vita. Ero eccitato ed allo stesso tempo preoccupato; c’erano tante incognite alle quali ancora non avevo trovato risposte e tanto meno soluzioni.

Ritornando verso l’uscita vidi un frate, pensieroso. Ma quali saranno state le aspettative, le speranze d’un frate?

Si, fu per d’avvero un anno memorabile, ma come lo fu per il frate?

 

Il mio blog di momorie M’Arcordo… http://biturgus.com/

 

h1

038 2007-07-27 Cairo, le donne velate al bazaar.

June 25, 2012

Khan El Khalili, donne velate

Non so dove, ma da qualche parte nel Corano ci deve pur esser scritto che le donne debbon esser velate e col Corano non si scherza.

Queste donne eran sedute ad un caffe nel bazaar Khan El Khalili al Cairo. Ho scattato la foto di nascosto, non credo che sian contente d’esser fotografate. Piú d’una volta ho visto le complicate manovre d’una donna velata che mangia o beve. Ma con l’esperienza diventa brave. Bere una CocaCola con la cannuccia è facile.

Sulla destra c’è uno di quei negozi con abiti sexi di cui ho scritto un’altra volta. Sono proprio loro, queste giovani donne, le potenziali acquirenti di questi abiti provocanti, da sfoggiare nell’intimità familiare e secondo le tradizioni da mille e una notte.

Un pomeriggio, mentre stavo ai bordi della piscina dell’hotel a Giza, ho visto arrivare una coppia con un bambino piccolissimo nella cullina. Il padre alto, aitante e a torso nudo aveve dei pantaloncini da bagno, la moglie indossava una completa calzamaglia nera che la copriva tutta, dalle caviglie al collo. Era aderente abbastanza da mostrare le forme sensuali del suo corpo e … sorpresa! Sopra questa lei indossava un micro-bikini, mi sembra di ricordare che fosse rosso. Il rosso e il nero vanno bene assieme.

Non ebbi il caraggio di far foto, anche perchè la mosculatura del marito non era da sottovalutare.

Il mio blog di memorie M’Arcordo… http://biturgus.com/

h1

037 2003-02 Colle Val d’Elsa, l’inferiata coi i panni ad asciugare.

June 24, 2012

l’inferriata coi i panni ad asciugare.

            Non era un’escurzione programmata, ma poi alla fine mi son ritrovato, diciamo per caso,  a Colle Val d’Elsa. Era una domenica mattina ed anche presto e cominciai a vagare per le strade quasi deserte della parte vecchia.

Capii subito che io  a Colle Val d’Elsa non c’ero mai stato, forse c’ero passato vicino o forse me n’ero del tutto dimenticato. Mi parve di riconoscere subito degli angoli, degli scorci, ma quello era dove Benigni aveva girato il suo Pinocchio? Ed il film l’avevo visto solo pochi mesi prima.

Visitai un piccolo museo etrusco e non ricordo nulla, invece mi colpì il teatro, il mini-teatro, forse cinquanta posti in platea e due file di piccoli palchi, mi sembra. Si vede che la gente che si poteva permettere il lusso d’andare a teatro era poca e quello era sufficent, e di certo tutti dovevano essere a dieta.

Poi c’erano tutte quelle finestre con le inferriate, come in tante città e paesi delle nostre parti. Penso che un tempo, almeno i signori, dovevan vivere in un continuo stato di paura. Le porte dei palazzi eran sempre borchiate e serrate con gran catenacci e le finestre, almeno quelle del primo piano, sempre con imponenti inferriate come fossero prigioni, ma eran per i ladri ch’eran fuori e non dentro.

In questo caso mi parve una precauzione un po’ eccessiva e non del tutto efficente per quattro capi di biancheria.

 

Il mio blog di momorie M’Arcordo… http://biturgus.com/

h1

037 2010-07-29, il coccodrillo di Saint Bertrand de Comminges.

June 23, 2012

il coccodrillo di Saint Bertrand

Ma chi era  Saint Bertrand de Comminges? Io non l’avevo mai sentito dire.

Una volta ho contato 120 pagine di città e paesi coi nomi di santi piú svariati nella guida Michelin degli alberghi di Francia. E questi sono solo quelli dove ce n’era almeno uno. La fantasia umana sembra non aver limiti nel trovare i nomi piú inusitati. Una volta mi son messo a collezionare, trascrivendoli in un tacquino quelli che mi parevano i piú bizzarri, ma poi ho smesso, la lista stava diventando troppo lunga.

L’anno scorso son passato per Saint Pompon in Dordogne. Ma anche noi italiani non siamo da meno, ho scoperto nella parte alta d’Agrigento una strada dedicata a San Libertino.

La cattedrale di Saint Bertrand de Commings, nei contrafforti dei Pirenei centrali, si intravede da lontano. É arroccata  in  cima ad una collina e la sua pesante struttura romanesca la fa sembrare piú un castello che una chiesa.  

Entrando nella cattedrale ho trovato uno che suonava, ed anche bene, il monumentale organo rinascimentale di legno scolpito accastellato lungo una parete. Proprio mentre ascoltavo l’inaspettato concerto, girovagando con lo sguardo, ho notato qualcosa di strano: un coccodrillo imbalsamato appeso al muro con un anello di ferro. Ma cosa ci faceva? Ma come aveva fatto ad arrivare fin li?

Semplice. Una volta c’era un terribile mostro che imperversava nella valle e si nutriva solo di bambini. Il vescovo Bertrand lo andò a cercare e quando il mostro gli si avventò con la bocca spalancata lo toccò leggermente col suo bastone pastorale, e la bestia divenne mansueta come un agnello. Seguì il vescovo fino alla cattedrale dove visse per anni ed alla morte fu imbalsamato e appeso al muro. La storia mi ricorda quella di San Francesco e del lupo di Gubbio, ma poi cosa successe al lupo?

Ed a proposito del coccodrillo, non ho trovato conferma da nessuna parte se poi divenne vegetariano.

Il mio blog di memorie M’Arcordo… http://biturgus.com/

h1

001 1925, Luisa Taba, mia madre, rivoluzionaria a dieci anni.

June 22, 2012

1925, V elementare a Sansepolcro

Nel 1925, quando il mi’ babbo era in Libia, mia madre decenne era in V elementare a Sansepolcro. Sarebbero dovuti passare molt’anni prima che i due si incontrassero.

Grazie alla Irma Vanni, attenta conservatrice del pessato, pochi anni fa ho ritrovato questa foto, e con quasi tutti i nomi delle alunne. La mi’ mamma e la seconda da sinistra nella fila in alto. La maestra Emmina Carloni-Coleschi, figlia del Dott. Carloni, era la sorella di Tito e quindi  la zia di Leonardo.

Ci sono 29 ragazzine (non contiamo quella che fa capolino in alto a destra) e di queste 28 hanno attivamente contribuito ad un atto rivoluzionario inaudito, senza precedenti nella storia, e non è stata versata neanche una goccia di sangue. Hanno osato infrangere regole che sembravano immutabili da millenni, e tutto successe con una tale rapidità che non diede tempo all’opposizione neanche di prender fiato.

Ma cos’han fatto? Si son tagliate i capelli!

Alla maschietta, avreppe poi detto mia madre, di certo non sapeva che dopo non molto sarebbe diventata una “flapper” di provincia, ma su questo forse ci scriverò un M’Arcordo…

Ma perchè quella nella fila in alto a destra con la maglietta bianca non ha osato?

Il mio blog di memorie M’Arcordo… http://biturgus.com/